Category Archives: Certificazione energetica

Certificazione energetica

Quanto conosci della certificazione energetica

Published by:

Tra le misure intraprese a livello europeo per il perseguimento di uno “sviluppo sostenibile” si inserisce la “normativa sul rendimento energetico nell’edilizia”, che prevede l’obbligo per gli immobili di essere dotati di un “Attestato di prestazione energetica” o APE. La funzione della “certificazione energetica” è quella di verificare il rispetto della normativa, ma al contempo fornisce preziose informazioni sui costi di gestione di un edificio, determinando un aumento di valore per gli immobili a basso consumo e di conseguenza incentivando per il futuro la costruzione di edifici sempre più ad alto rendimento.

In Italia la materia è regolata dalla Legge 192 del 19.8.2005 e dai decreti ministeriali che ne delineano le linee guida, i più recenti quelli del 26.6.2015. Dal 1° Ottobre 2015 è in vigore l’APE Unico, minuziosamente regolato in modo da garantire uniformità su tutto il territorio. Il documento deve essere redatto da un “certificatore energetico” specificamente abilitato a livello nazionale, che, sul posto, effettua l’analisi energetica dell’immobile valutando le caratteristiche strutturali, i consumi, la climatizzazione e tutto ciò che può influire sull’efficienza energetica, puoi rivolerti allo studio Lombardi in cui potrai trovare tecnici qualificati. Il tecnico quindi assegna all’edificio un “indice di prestazione energetica globale non rinnovabile” o EPgl, misurato in kWh/m2 anno, che indica quanta energia l’edificio consuma per raggiungere le condizioni abitative ideali. Ne indica inoltre la classe energetica di appartenenza tra le 10 previste, da A4 a G, confrontandone i consumi con quelli di un edificio di riferimento con prestazioni medie, calcolate secondo parametri prestabiliti. Nel documento sono poi indicati gli interventi utili per il miglioramento dell’efficienza energetica e numerose informazioni di carattere prettamente tecnico. L’APE è valido 10 anni e deve essere archiviato nel registro Nazionale SIAPE, recentemente istituito.

La predisposizione dell’APE è obbligatoria in caso di nuove costruzioni o ristrutturazioni “importanti”, ma anche se si vuole vendere o semplicemente affittare un immobile preesistente. Persino negli annunci di vendita o affitto devono essere indicate la prestazione energetica globale e la classe energetica dell’immobile. È inoltre condizione per l’accesso alle detrazioni del 65% sul reddito IRPEF. Le severe sanzioni, che possono arrivare a 18.000€, sono analiticamente descritte dall’art. 15 L 192/2005. L’APE non è invece necessario per alcuni tipi di edifici specificamente indicati, come ad esempio i luoghi di culto o i fabbricati di servizio, come garage e depositi.

Per la redazione di un APE non è prevista una tariffazione minima, pertanto la forte concorrenza e la crisi economica hanno determinato un netto calo dei prezzi. Oggi per un appartamento può essere considerato onesto un prezzo tra 150€ e 250€, a seconda della città e delle caratteristiche dell’immobile. E’ utile richiedere più preventivi e per quanto possibile valutare l’affidabilità del certificatore, diffidando di chi propone prezzi eccessivamente bassi, specialmente se intende procedere a distanza senza effettuare il sopralluogo, ormai obbligatorio.