Category Archives: Viaggi

Viaggi

Non tutte le compagnie sono uguali

Published by:

Valona è per importanza il secondo approdo dell’Albania dopo Durazzo. La città conta quasi 200.000 abitanti e si affaccia sul Canale d’Otranto, situata in una baia chiusa e geograficamente protetta da Capo Linguetta e dall’isola di Saseno. Valona ha origini antichissime, essendo stata fondata dai Pelasgi, che abitavano la Grecia intorno al primo millennio a.C. Venne poi ricostruita nel VI secolo a.C. con il nome di Aulona e divenne un porto di fondamentale importanza durante il periodo contrassegnato dall’egemonia romana nel Mediterraneo. European Ferries mi ha permesso di visitare questa perla dell’Adriatico ad un prezzo davvero conveniente, dopo aver prenotato online la cabina. European Ferries offre un servizio moderno e rapido ed i suoi traghetti percorrono la rotta Brindisi-Valona impiegando circa sette ore e mezza. La compagnia rende diverse possibilità, comprese quelle relative al trasporto del proprio amico a quattro zampe e all’imbarco dell’auto. La partenza alle 23.30 mi ha fatto propendere per la comodità di una cabina dotata di tutti i servizi. Il prezzo di 112 euro per un viaggio di andata e ritorno mi è parso più che congruo. Ad ogni modo, chi vuole risparmiare può optare per la traversata con semplice poltrona riservata, ad un costo di soli 60 euro. Il viaggio di ritorno era fissato per le ore 14.00 con rientro in Italia per le 19.00. Valona si presenta come un centro dinamico e moderno, le sue coste abbondano di spiagge affollate da turisti provenienti da ogni parte del mondo e ricche di servizi e divertimenti. Il cuore storico della città è rappresentato dalla Via Monumentale, costeggiata dalle abitazioni costruite secondo lo stile architettonico tipico locale, con facciate in pietra bianca, persiane colorate e tetti a spiovente. La Moschea di Muradie, opera dell’architetto Sinani e risalente al primo periodo dell’Impero Ottomano, dona al quartiere un fascino tutto orientale. Interessante è il sito archeologico di Oricum, a pochi chilometri di distanza, fondazione greca contesa per secoli da più e più popolazioni, ed i musei cittadini, come quello dell’Indipendenza, il Museo di Storia, ricco di testimonianze medievali e moderne, ed il Museo Etnografico, colmo di oggetti appartenenti alla quotidianità di chi visse tra il XVI ed XIX secolo. Il quartiere di Acqua Fredda è fra le zone più turistiche, con discoteche, pub e ristoranti che animano giorni e notti.
Viaggi

La bellissima Paxos

Published by:

Per godermi una vacanza sull’isola di Paxos, il mio viaggio è cominciato a Brindisi. È da lì, infatti, che partono i più importanti traghetti da Brindisi a Paxos verso la paradisiaca isola greca.

Una volta raggiunta Brindisi, mi sono imbarcato sul traghetto, che permette di portare con sé anche la propria auto o la moto, se si desidera essere indipendenti una volta raggiunta la destinazione.
Non ho dovuto acquistare il biglietto a terra, perché avevo già prenotato il mio posto online, con una procedura semplice, veloce e sicura: in questo modo ero sicuro di avere la mia cabina libera e disponibile.
Il viaggio in traghetto è durato circa sei ore e mezza, ma non ho avvertito la pesantezza della traversata dato che il traghetto era molto moderno e fornito di servizi con i quali mi sono intrattenuto piacevolmente durante il viaggio, fino all’arrivo al porto di Paxos.
Una volta sbarcato a Paxos mi sono immediatamente diretto verso il mio albergo, e dopo essermi organizzato mi sono diretto verso le zone più belle dell’Isola degli Ulivi, come questo territorio è soprannominato.
Arrivando da Brindisi in traghetto mi sono soffermato a lungo nella zona del porto, molto pittoresca e affascinante.
Paxos è la più piccola delle isole ioniche, ed i segni della colonizzazione veneziana sono ben visibili, per esempio, nei tratti tipici delle abitazioni cittadine.
Mi sono diretto a Lakka, ritenuto da molti il paese più bello dell’intera isola, e alla sua famosa baia, che sembra uscire direttamente da una cartolina. Nei dintorni la vegetazione è ricca di ulivi, e infatti molti locali vendono l’olio extravergine che producono direttamente con le loro mani, e che è estremamente delizioso.
Ho trovato pittoresca anche la cittadina di Gaios, con il suo piccolo porto e le case color crema che affollano questa costa dell’isola. Ho visitato la piccola isola di San Nicola, il mulino a vento e la chiesa della Madonnina, dove il 14 agosto si recano numerosi pellegrini per le funzioni religiose.
Ovviamente non poteva mancare una visita alle maggiori spiagge di Paxos, come quella di Orkos, Mogonisi e la caraibica Monodendri, mentre la Baia di Lakka è gettonata soprattutto dai surfisti.
Non ho potuto non visitare l’isoletta di Antipaxoi, a soli 15 minuti di traghetto da Paxos, poco popolata e ricoperta dalle vigne che le conferiscono un aspetto da quadro. Nel complesso, fra le numerose isole greche, Paxos è una delle più tranquille e affascinanti in assoluto.

Viaggi

Viaggia informato

Published by:

Se si viaggia in aereo e si prendono aeroplani in sequenza può capitare talvolta di perdere una coincidenza durante uno scalo. Anche un leggero ritardo del primo volo può implicare la perdita del secondo aereo non dandoci il tempo sufficiente ad imbarcarci. Ciò può avvenire soprattutto in caso di coincidenze con un margine di tempo molto breve. Ci troviamo così letteralmente “a terra” in un paese estero senza saper bene cosa dover fare. Rimanere disorientati accade a tutti la prima volta è perciò fondamentale conoscere bene i nostri diritti come viaggiatori per poter sapere cosa fare. E’ opportuno saperlo prima di partire o meglio ancora prima di comprare il biglietto aereo per non rimanere disorientati come è capitato alla sottoscritta la prima volta che le è successo.

La possibilità di essere rimborsati e assistiti dalla compagnia aereo dipende prima di tutto dalla modalità di stipula del contratto del biglietto aereo. Se si è scelto di comprare un biglietto unico per le due o più tratte aeree la compagnia è obbligata a offrire assistenza e un volo alternativo per la medesima destinazione o per la meta di partenza (in caso si decida di rinunciare al viaggio). Il passeggero ha diritto al risarcimento solo se i voli sono riconducibili ad un unico contratto di trasporto aereo e provenienti dalla stessa compagnia o holding aerea. Nel caso infatti che appartengano a compagnie aeree differenti il viaggiatore non ha diritto al risarcimento dovuto alla perdita di coincidenza. Questo tipo di risarcimento viene chiamato “compensazione pecuniaria” e varia dai 250 ai 600 € a seconda della lunghezza della tratta aerea. Oltre al risarcimento, si può scegliere se ricevere un biglietto per un volo alternativo o il rimborso del biglietto aereo. Inoltre a spese della compagnia aerea sono tutte le nostre telefonate, i nostri pasti/bevande e l’eventuale pernottamento in albergo con relativo trasporto per arrivarci. Se abbiamo optato per due biglietti distinti non possiamo chiedere risarcimenti alla compagnia aerea, se siamo però all’interno di un “pacchetto tutto compreso” possiamo chiedere danni all’organizzatore/agenzia di viaggio a cui ci siamo affidati per aver rovinato anche se solo in parte la vacanza. Inoltre se il ritardo di partenza è maggiore alle 2 ore possiamo comunque chiedere eventuali danni alla compagnia aeree (perdita di coincidenza o meno).

Viaggi

Dove alloggiare ad Ibiza

Published by:

Ibiza è davvero l’isola dei sogni, e ho avuto modo di scoprirlo durante il mio ultimo soggiorno in questo piccolo paradiso terrestre.

Per la mia vacanza sull’Isla Bianca avevo deciso di prenotare un appartamento a Figueretas, città situata a due passi da Ibiza, dove sapevo avrei trovato una camera ad un prezzo inferiore.
A Figueretas, cittadina tranquilla e dotata di qualche locale interessante, ho trovato ad un ottimo prezzo un appartamento provvisto di ogni comfort e totalmente indipendente. Senza dubbio è il posto migliore dove trascorrere una vacanza per chi ama essere del tutto autonomo e potersi organizzare in totale tranquillità.
Figueretas è situata ad un paio di chilometri dal centro storico di Ibiza, ed è una città famosa per la sua spiaggia, lunga circa cinquecento metri e ricca di piccoli moli. La spiaggia di Figueretas è molto frequentata dalle famiglie che abitano in zona e dai turisti degli hotel vicini, ed è provvista di numerosi giardini e piscine che si trovano a qualche decina di metri dal mare. L’ho trovato un luogo molto tranquillo dove ci si può rilassare o fare un bagno nelle acque cristalline.
La spiaggia di Figueretas Ibiza non è l’unica della zona; a soli 3 km di distanza si trova la famosa Playa d’en Bossa, una delle spiagge più celebri situate di fronte alla città di Ibiza. La spiaggia di Playa d’en Bossa è perfetta per chi cerchi un luogo perfettamente organizzato: personalmente ho apprezzato molto i drink dei piccoli bar aperti lungo la spiaggia, ed anche il servizio noleggio degli sdrai. Per quanto riguarda la sabbia ed il mare, si tratta di un luogo pulito e gradevole. Volendo vedere anche altre spiagge mi sono diretto fino a quella di Talamanca, dove ho fatto un po’ di diving grazie alle scuole di sport acquatici presenti sulla costa.
Ovviamente per le mie serate avevo solo una destinazione: il centro di Ibiza, in locali come l’Evissa o il Pacha, molto caro ma altrettanto esclusivo. Che Ibiza sia celebre per la vita notturna è risaputo, ma io ho trovato molto interessante anche il centro storico della città.
Questa zona porta l’impronta della dominazione cartaginese ed araba: oltrepassando il ponte levatoio di Portal de Ses Taules sono stato scaraventato nella zona più antica della città, un vero museo all’aperto dove ho potuto ammirare le Mura cittadine, la Cattedrale, la Chiesa di Santo Domingo ed il Museo Archeologico.

Viaggi

Ischia l’isola del romanticismo

Published by:

Ischia appartiene all’arcipelago delle isole Flegree ed è situata nella parte più settentrionale del golfo di Napoli. I suoi oltre 60.000 abitanti ne fanno la terza isola più abitata d’Italia e rappresentano una ragione in più per cui l’area risulta così ben collegata alla terra ferma. Nell’antichità era nota con il nome di Pithecusae, la cui etimologia resta incerta. La tradizione associa Pithecusae al termine pithekos, scimmia, alludendo al mito dei Cercopi, gli abitanti locali trasformati da Zeus in scimmie, o a pythos, vaso, a causa degli ingenti ritrovamenti ceramici che proverrebbero dalle officine dei vasai locali. Raggiungibile quotidianamente con un gran numero di traghetti per Ischia che impiegano poco meno di un’ora. Le compagnie che offrono il servizio sono Caremar, Snav, Medmar e Alilauro. È possibile muovere verso Ischia partendo dal Molo Beverello, da Porta di Massa o da Pozzuoli. Uno dei motivi per cui ho scelto di recarmi presso questa meravigliosa scheggia di roccia circondata dal mare, è la presenza dei famosi centri termali che ogni anno attirano migliaia di turisti. Le 20 piscine presenti nei giardini Poseidon, situati sulla baia di Citara, vanno dai 16 ai 40 gradi di temperatura ed offrono un’occasione di relax imperdibile. La struttura include una spiaggia attrezzata e 3 ristoranti. Ma Ischia nasconde anche un’anima selvaggia ed affascinante, che mi si è rivelata in tutto il suo splendore quando ho scelto di effettuare un’escursione presso la cima del monte Epomeo, il punto più alto dell’isola. Dai suoi quasi 800 metri è possibile godere di panorami mozzafiato che spaziano fino alla terra ferma e alla penisola sorrentina. La baia di Sorgeto è situata nel comune di Forio d’Ischia ed accoglie gli avventori con le sue acque termali che sgorgano direttamente in mare. Per raggiungere la baia bisogna percorre 200 gradini che formano un percorso che al calar della sera assume un sapore speciale. Da amante dei fiori e delle piante non ho potuto fare a meno di visitare i Giardini La Mortella, un parco botanico che conserva quasi 200 specie di piante che hanno trovato nel clima di Ischia il loro habitat naturale. Il Castello Aragonese a picco sul mare è il simbolo dell’isola: la visita alla struttura si è rivelata fra le cose più stupefacenti, per giunta allietata da una delle numerose mostre d’arte che vengono spesso allestite al suo interno.

Viaggi

Una vacanza dal divertimento assicurato

Published by:

I dubbi relativi al luogo nel quale trascorrere le vacanze estive assalivano me e la mia compagnia di amici, ma dando uno sguardo alle offerte online e ai last minute disponibili, la scelta è ricaduta su una meta d’eccezione, da sempre sinonimo di divertimento, di mondanità, di relax. Non è un caso se le offerte utili a trascorrere una vacanza ad Ibiza sono sempre presenti nella top ten delle mete preferite dall’utenza su qualsiasi motore di ricerca. Dopo un veloce confronto dei prezzi e delle offerte, abbiamo prenotato un last minute ad Ibiza optando per la formula più comoda e sbrigativa: volo più albergo. Sbrigate le poche e semplici procedure d’acquisto, abbiamo finalmente raggiunto il mare cristallino e le spiagge da sogno delle Isole Baleari. Ibiza è l’isola più occidentale dell’arcipelago, nonché una delle più belle: qui il clima è mite in tutti i mesi dell’anno e le spiagge di sabbia bianca rappresentano il prosieguo ideale degli antichi borghi marinari fatti di case basse e candide che puntellano le coste. Ibiza è un luogo magico, nel quale le notti si confondono con i giorni, un luogo che offre una quantità eccezionale di divertimenti e che sa ammaliare qualsiasi avventore. Cala Tarida è una spiaggia lungo la quale si alternano sabbia e roccia e che è affrontata da un gruppo di scogli ed isolotti che rendono lo scenario ancora più suggestivo. I suoi fondali sono l’ideale per tutti gli appassionati di snorkeling ed immersioni. Meravigliosa è anche Ses Salines, una spiaggia eccezionalmente panoramica ed ampia che appartiene ad un parco naturale protetto. È contornata da belle e fresche pinete che un tempo abbondavano su tutta l’isola e sulla vicina Formentera, tanto che Plinio il Vecchio affibbiò loro il nome di Isole Pitiuse, proprio per la straordinaria abbondanza di conifere. Le spiagge più affollate e ricche di servizi sono Playa d’en Bossa, che ricade per metà nel comune di Ibiza e per l’altra in quello di Sant Josep e Talamanca, contigua alla precedente. Entrambe le località sono frequentatissime da un pubblico giovane, nonché da tanti amanti dello sport, soprattutto velisti. Ad Ibiza, le feste e la musica che di pomeriggio animano le spiagge e i litorali, di sera si trasferiscono presso i club e le discoteche che affollano soprattutto la capitale e la cittadina di Sant Antoni de Portmany. I bar in spiaggia come il Bora Bora, Ushuaya e il Café del Mar combinano la suggestione di un tramonto sul mare con l’atmosfera frizzante e multietnica di questi locali.

Viaggi

Scegli il traghetto raggiungi comodamente la Spagna

Published by:

Volete visitare Barcellona? Essendo uno dei porti più importanti e grandi d’Europa perchè non andarci proprio via mare, in traghetto?
Il ventunesimo secolo è l’epoca degli aerei low cost e con questa innovazione si è perso il senso del viaggio vero e proprio. Dimentichiamo talvolta che esistono anche altri modi di viaggiare e muoversi. La nave è tra questi: un modo di muoversi che permette di “gustarsi” il viaggio vero e proprio. Un mezzo di trasposto con prezzi contenuti che permette di portarsi dietro la propria automobile, per muoversi liberamente e in modo indipendente una volta giunti a destinazione. Uno dei tragitti più comodi per arrivare a Barcellona è partire dal porto di Genova. Da qui partono quotidianamente sia d’inverno sia d’estate traghetti per la Spagna di differenti compagnie, comodissimo anche la prenotazione puoi tranquillamente prenotare i traghetti on line. Il tragitto dura meno di 20h durante le quali si può godere dei comfort offerti dalla nave, oltre che dell’alloggio in cabina. Di solito si parte nel pomeriggio per poter passare parte della traverta dormendo, in tal modo il viaggio scorrerà velocemente tra ristoranti, negozi e attività varie. Il prezzo varia a seconda delle esigenze (come l’imbarco della automobile o meno) ma in media si aggira sui 200€ tra andata e ritorno. Si possono trovare in determinati periodi offerte nettamente inferiori.

Una volta giunti in mattinata in Catalunia, cosa visitare?

Barcellona è una delle città più europee e turistiche della Spagna. Capitale della Catalogna e città de “Las Ramblas” è una dei capoluoghi più ricchi d’arte e colori. Quando si parla di Barcellona non si può non pensare a Gaudì, ecco quali opere vedere dell’architetto spagnolo più conosciuto:
– il Park Guell, uno dei parchi più colorati e allegri grazie alle sue maioliche e le sue forme sinuose
– Casa Battlò: una residenza privata plasmata dall’artista con il tetto a forma di Drago di San Giorgio, simbolo della Catalogna
– Casa Milà: conosciuta anche come la Pedrera e come suggerisce il titolo è edificata in pietra. Linee sinuose e una copertura particolare piena di comignoli
– Sagrada Familia: probabilmente la chiesa simbolo della città. Un’opera incompleta che con la sua altezza cerca di arrivare al cielo. Al suo interno regnano i colori grazie alle sue bellissime vetrate a mosaico.
Altro sito d’enorme interesse legato ad un altro grande artista spagnolo è il Museo dedicato a Picasso.
Barcellona, una città dai mille colori e possibilità.